, ,

Lucky-Pons, padroni del Val d’Orcia Storico

lucky pons, val d'orcia

Il Campionato Italiano Rally Terra Storico ha fatto tappa in Val d’Orcia per uno spettacolare e parteicpato secondo appuntamento. “Lucky”-Pons si sono imposti nell’assoluta e nel 4RM, a Pelliccioni-Ercolani il 2RM

Il Campionato Italiano Rally Terra Storico ha fatto tappa in Toscana per il suo secondo appuntamento stagionale, e sulle spettacolari prove del 5° Rally della Val d’Orcia è stato “Lucky”, sempre in coppia con Fabrizia Pons sulla Lancia Delta Integrale di 4° Raggruppamento del Team Bassano, a confermarsi il più veloce, grazie alla vittoria ottenuta su sei delle sette prove speciali disputate. Il campione vicentino come sempre ha utilizzato al meglio la sua splendida auto, spiazzando la concorrenza e confermandosi al vertice anche della classifica riservata alle 4 Ruote Motrici, in un appuntamento dove di certo non sono mancate qualità e quantità. Buona infatti anche la prestazione di Bruno Pelliccioni, in coppia con Lorenzo Ercolani, su Ford Escort della Scuderia San Marino.

Un bel secondo posto assoluto, ma soprattutto la vittoria per quanto riguarda il Campionato 2 Ruote Motrici, con un testa a testa che lo ha visto contrapporsi ad Andrea Succi, navigato da Fabio Graffietti, alla guida di una BMW M3 del Racing Team Le Fonti, alla fine staccato di solo un secondo e uno. Dunque entusiasmante la lotta sulle splendide prove speciali della Val d’Orcia, a beneficio di un pubblico che ha continuamente apprezzato auto che sui fondi toscani hanno trovato il giusto palcoscenico per esaltarsi al meglio. Subito sotto il podio, quarti assoluti si sono piazzati Andrea Tonelli e Roberto Debbi in gara con un’altra Ford Escort presente, della Movisport. Sensibilmente staccato e anche lui autore di una guida funambolica Riccardo Errani, in coppia con Emanuele Mischi, che ha invece occupato la quinta piazza finale con la sua Lancia Delta HF.

Proseguendo con la classifica finale Nemo Mazza – alle note Marco Cavalli – ha completato la sua gara in sesta posizione assoluta, utilizzando, anche lui, una Ford Escort della Scuderia San Marino. Settima posizione finale, invece, per Enrico Ercolani Volta, navigato da Daniele Conti, che ha utilizzato una BMW 320 E 21 con i colori della Scuderia San Marino, presente a pieno organico sulla terra senese. Sicuramente non sono mancate auto molto diverse tra loro, con la prima delle “tutto-avanti”, la Peugeot 205 GTI 1.6, griffata Valdelsa Corse, pilotata da Filippo Grifoni, in coppia con Paolo Materozzi, che alla fine ha chiuso in ottava posizione assoluta. A completare la top ten ci ha pensato Corrado Costa, alle note Riccardo Biordi, con un’altra trazione anteriore, la Opel Corsa GSI sempre della Scuderia San Marino, nonché Federico Ormezzano, alla sua destra Maurizio Torlasco, con la sua Porsche 911SC.

Dunque ancora una bella occasione per ammirare vetture perfettamente mantenute e che ancora oggi riescono ad entusiasmare un pubblico che aspetta pazientemente il loro passaggio. La spettacolare terra toscana, dal profumo mondiale, ha poi contribuito al divertimento, grazie a piloti che spesso hanno utilizzato al meglio una guida “tutta di traverso”, privilegiando qualche volta in più lo spettacolo che il cronometro. Ora le auto torneranno sotto la cura amorevole di preparatori e meccanici, in attesa di essere lucidate per il prossimo appuntamento, il 9° San Marino Rally Historic, in calendario l’ultima settimana di giugno.