,

Mercedes e i suoi successi alla Mille Miglia

La casa tedesca ha lasciato una forte impronta nella gara italiana vincendo nel 1931 con Rudolf Caracciola e nel 1955 quando Stirling Moss segno un tempo record rimasto imbattuto

Da sempre la Mille Miglia è un appuntamento in cui Mercedes, attraverso il suo Classic works team e con i piloti privati, è presente a testimonianza del suo forte legame con la manifestazione italiana. Nell’edizione di quest’anno della gara di regolarità saranno dieci le vetture della stella ufficialmente al via della “Freccia rossa” che si svilupperà su cinque tappe a metà giugno.

L’edizione 2024 della Mille Miglia si svolgerà dall’11 al 15 giugno, con un percorso antiorario di cinque tappe. Dopo la partenza da Brescia il primo giorno, il percorso tocca Bergamo, Novara, Vercelli e Torino. Nella seconda tappa si attraversano Acqui Terme e, per la prima volta, Genova, proseguendo poi lungo la costa tirrenica fino a Viareggio. Il terzo giorno è dedicato a Roma: passando per Lucca, Castiglione della Pescaia, Marta, Viterbo e Ronciglione, il gruppo raggiunge la Capitale con arrivo in Via Veneto. La quarta tappa riporta a nord attraverso Orvieto, Solomeo, Siena, Prato e i passi della Futa e Raticosa fino a San Lazzaro di Savena presso Bologna. L’ultima giornata conduce da Ferrara a Brescia, attraverso Bovolone, Villafranca, il Lago di Garda con Valtenesi e Salò, fino all’arrivo in Viale Venezia.

Tra i momenti clou nei 130 anni di storia sportiva di Mercedes-Benz ci sono le Mille Miglia del 1931 e 1955. Nella quinta edizione del 12 e 13 aprile 1931, Rudolf Caracciola colse una sorprendente vittoria con la Mercedes-Benz SSKL insieme a Wilhelm Sebastian, diventando il primo vincitore non italiano. Nel 1955, dal 30 aprile al 1° maggio, Stirling Moss e il navigatore Denis Jenkinson vinsero in 10:07:48 ore con la Mercedes-Benz 300 SLR (W 196 S), il tempo più veloce mai realizzato. Secondo assoluto fu il compagno di squadra Juan Manuel Fangio, anch’esso su una 300 SLR. Invece nel 1956 Erwin Bauer ed Erwin Grupp vinsero la classe Turismo speciale oltre 2 litri di cilindrata con una Mercedes-Benz 220 “Ponton” (W 180).