, ,

Nel CIRAS approda Federico Delrosso

federico del rosso opel kadett

Il pilota biellese torna a correre con la stessa Opel Kadett GSi con cui si mise in mostra alla fine degli anni ’80 prima di diventare il ricognitore di Piero Liatti ai tempi della Prodrive

Tra la metà degli anni ’80 e la metà del decennio successivo era stato uno dei protagonisti dei rally del Nord Ovest con la sua Opel Kadett GSi gruppo A con cui si mise più volte in evidenza nel Trofeo della Casa tedesca. Nato a Biella, Federico Delrosso si è subito innamorato dei rally ed appena ne ha avuto la possibilità ha iniziato a correre, spesso in coppia con il fratello Pier Mario.

A metà degli anni ’90 le presenze nei rally si diradano ma la passione non viene meno. Delrosso abbina qualche gara in pista, sia con le ruote coperte che con le monoposto di Formula 3, al ruolo di ricognitore per Piero Liatti quando il biellese sale sulle Subaru Impreza ufficiali.

Finite queste esperienze, Federico si dedica al suo lavoro di architetto che lo vede dividersi tra Biella e Milano. Ma la passione è dura a morire. Qualche anno fa ritrova la sua vecchia Kadett GSi abbandonata sotto una tettoia, la ricompra e, con un lungo lavoro, la rende pronta per tornare a correre. Il “secondo debutto” lo scorso anno con un settimo posto al Grappolo storico e poi il Sanremo tricolore chiuso anzitempo. “Quest’anno – spiega Federico Delrosso – ho deciso di partecipare al CIRAS, a partire dal Costa Smeralda. Ovviamente sempre con la mia Opel Kadett. Al mio fianco si alterneranno Alessandro Alocco ed Alessandro Mattioda. Sono curioso di scoprire le gare del Campionato Italiano e vedere cosa riuscirò a combinare”.