,

Pista: a Magione fa festa Stefano Mundi

Con la sua Porsche vince la seconda gara del Trofeo Italia Storico sulla pista umbra dopo una bella battaglia con la Mercedes di Mauro Simoncini.

La concomitanza con la gara in salita Bologna-Raticosa e l’aver dovuto inserire la terza prova del Trofeo Italia Storico a Magione nel contesto di una gara del Trofeo FX con prove e gara al sabato hanno fatto si che il numero dei partecipanti fosse minore del solito ma l’aver accorpato le due categorie, fino a 1600 ed oltre 1600, in gara unica ha dato la possibilità di avere uno schieramento interessante con grande soddisfazione degli organizzatori, i fratelli Bartoli.

Decisamente rilevanti i distacchi nei tempi tra i vari partecipanti ma con gara piena di interessanti duelli che hanno entusiasmato il numeroso pubblico presente e gli stessi piloti in pista, Stefano Mundi su Porsche RSR e Mauro Simoncini con la Mercedes 190 DTM hanno dato spettacolo fin dalle prove girando su tempi eccellenti a pochi centesimi l’uno dall’altro. Cosi è stato anche in gara fino a quando Mauro Simoncini, per cercare di reggere il ritmo indiavolato di Mundi, è incappato in due testacoda perdendo contatto con l’avversario che andava cosi a vincere alla grande mentre a Simoncini restava la soddisfazione del giro più veloce.

Dietro di loro molto belle le prove di Ernesto Galli su Alfa 33, Gianluca Cecchini sulla poderosa e impegnativa Porsche 928, di Piero Caputo e Gabriele Ceteroni, tutti abbastanza frazionati tra di loro. Maggiormente distaccato un gruppetto di piloti che hanno molto battagliato tra di loro in quanto fino dalle prove si era visto che girando in tempi di qualifica molto vicini avrebbero dovuto lottare per prevalere l’uno sull’altro. E cosi è stato con Enrico Pascucci su Peugeot 205, Franco Ermini sulla Mini Cooper, Renato Benusiglio con la VW Golf, Stefano Materassi (Fiat Ritmo), Alvaro Bartoli su Fiat 128 e Massimo Riccardi con la Fiat 128 Coupé attardato nell’ultimo giro da problemi meccanici, che sono giunti nell’ordine.

Andrea Quercioli, Peugeot 205 e Paolo Cocci, che era riuscito a riparare in tempo la sua Mini Cooper dopo un incidente in prova, hanno poi concluso la gara che è stata veramente molto combattuta da tutti. Ora lunga pausa e dopo l’estate tutti nuovamente in pista per le ultime due prove di questo campionato che tornerà a disputarsi nella sola giornata di domenica.

(Immagine di Roberto Gallovich)